Il Vino della Valle all’Expo

[:it]

CVA Canicattì ad Expo per celebrare la buona agricoltura della Valle dei Templi

Si svolgerà venerdì 12 giugno presso il Padiglione del Cluster BioMediterraneo, lo Speak-easy “Le Terre del Nero d’Avola, la Valle dei Templi e il Progetto Diodoros” dedicato all’ambizioso programma di tutela della biodiversità
del giacimento agricolo più esteso d’ Europa

La buona agricoltura che tutela il paesaggio e l’identità produttiva di un territorio tra i più affascinanti al mondo sbarca al Cluster BioMediterraneo grazie a CVA Canicattì che porta a Milano per l’EXPO 2015 il progetto Diodoros nato dalla collaborazione con l’ente Parco della Valle dei Templi.

Sul palco centrale della piazza Mediterranea del Cluster BioMediterraneo di EXpo, lo speak easy – aperitivo culturale mediterraneo di venerdì 12 giugno, con inizio alle ore 17:30, sarà l’occasione per ripercorrere attraverso le testimonianze di Giovanni Greco (presidente CVA Canicattì), Giuseppe Parello, (direttore Ente Parco della Valle dei Templi) e Tonino Guzzo (enologo) le tappe di un progetto nato nel 2011 e che ha portato alla nascita di Diodoros, ribattezzato già all’indomani della sua presentazione ufficiale “il Vino della Valle”. A coordinare questa chiacchierata informale all’ora dell’aperitivo sarà Andrea Gabbrielli, una delle firme più importanti del giornalismo vitivinicolo a livello internazionale.

Diodoros – il vino della Valle, è il primo tassello di un progetto dal grande impatto comunicativo che aspira a diventare modello di coesione tra pubblico e privato. L’intento è quello di sviluppare un percorso che ha tra i suoi obiettivi quello di recuperare e valorizzare il grande giacimento agricolo del parco e delle aree demaniali legati ad un’agricoltura di collina che, nel corso dei millenni, ha disegnato il paesaggio selezionando le colture più idonee e innescato economia. L’obiettivo è quello di rilanciare i flussi turistici in questi territori colpiti da un vero e proprio processo di spopolamento attraverso alcuni aspetti che possano intercettare un pubblico più vasto che va dagli appassionati di archeologia a quelli del turismo rurale ed eno-gastronomico

Il vino Diodoros nasce dalle uve coltivate nei vigneti posti sotto il tempio di Giunone frutto di una “selezione” naturale delle varietà autoctone siciliane che i vignaioli della Valle hanno operato nel corso degli anni interpretando al meglio gli aspetti pedoclimatici che caratterizzano questo territorio. La grandezza di questo contesto è data dalle caratteristiche del terroir. Siamo nel cuore delle Terre del Nero d’Avola, dove i suoli di origine alluvionale profondi e sabbiosi, caratterizzati dalla presenza di scheletro sono molto fertili per la coltivazione delle varietà autoctone siciliane come il Nero d’Avola, il Nerello Cappuccio e il Nerello Mascalese.

“Ci auguriamo – afferma Giovanni Greco che il grande appuntamento di EXPO sia una nuova occasione che contribuisca ad accendere i riflettori sul nostro territorio ricco di cultura e natura dove è possibile, grazie ad un modello virtuoso, salvaguardare un patrimonio dell’UNESCO. Proprio in virtù di questa cooperazione tra pubblico e privato stiamo lavorando a creare dei rapporti sinergici con altre realtà del territorio per sviluppare una proposta che, a tutto tondo, abbracci le bellezze territoriali e gastronomiche della nostra Sicilia”.

Nel corso dello speak easy – aperitivo culturale mediterraneo si potranno degustare alcune delle etichette più conosciute di CVA Canicattì, tra cui la prima annata del Diodoros, la 2012, in abbinamento a finger food tipici del bacino del Mediterraneo.[:en]

CVA Canicattì at Milan Expo.  Celebrating Good Agricultural Practices of The Valley of the Temples

“Le Terre del Nero d’Avola, The Valley of the Temples and Diodoros Project Speak-easy , relating the programme for biodiversity safeguarding of the widest agricultural area of Europe, took place next to BioMediterranean Cluster Pavillon Friday 12th June 2015.
Good agricultural practices aiming to safeguard landscape and productive identity of one of the most fascinating territory in the world disembarks at BioMediterranean Cluster thanks to CVA Canicattì presenting Diodoros Wine-Producing Project in partnership with the Authorities of The Archaeological Park, of the Valley of the Temples at Milan Expo.
Friday 12th June 2015, at 5.00 pm Speak-easy mediterranean cultural apéritif will be the good time to remember together with Giovanni Greco ( CVA Canicattì President ), Giuseppe Parello ( Head of The Valley of Temples Archaeological Park) , Tonino Guzzo (winemaker) all steps of Diodoros Project which arisen in 2011, generating Diodoros wine , rebaptised as The Wine of the Valley the day after its Official Presentation.

Andrea Gabbrielli, one of the greatest international wine journalist will join this event in order to coordinate this chat over the apéritif.
Diodoros-The Wine of the Valley is the first attempt of a great communicative project paving the way for a cohesive model between public and private sector.
One of the goal of Diodoros project is to safeguard and value the widest agricultural area of the Park and other public areas linked to a hill agriculture which characterized the territory activating economy over the millennia.
The aim is to facilitate tourism re-launch in these territories damaged by a real depopulation process, relying on all those aspects which could be considered attractive for more targets from archaeological lovers to ruraltourism and food&wine lovers.
Diodoros wine is made by grapes cultivated below the Temple of Juno. These vineyards are the result of a natural selection of the Sicilian local vineyards made by the vignerons of the Valley which also have been working on typical climate and soil traits of this territory over the years.
The cornerstone is the terroir. We are at the heart of Terre del Nero d’Avola, where deep-alluvial origin.sandy soils with skeleton are very fertile to cultivate Sicilian local vineyards such as: Nero d’Avola, Nerello Cappuccio and Nerello Mascalese.
We hope – Giovanni Greco says- Expo meeting is a new opportunity not only to highlight our territory rich in culture and naturally extraordinary but also safeguard one of the UNESCO heritages. Thanks to this public and private cooperation we are engaged in creating synergy with other realities of the territory in order to develop a proposal involving landscape and food and beverage Sicilian beauty”.
Throughout the speak-easy , CVA Canicattì will offer not only some of their more known wines included the first vintage of Diodoros 2012 but also typical Mediterranean finger food.[:]